Category : SICUREZZA SUL LAVORO

Documentazione News Normativa nazionale

ABOLIZIONE REGISTRO INFORTUNI

Dal 23 dicembre 2015 non vige più l’obbligo per le imprese di tenuta del registro infortuni e conseguentemente dell’annotazione sullo stesso degli infortuni occorsi in azienda.

Si rammenta che tale obbligo risaliva agli anni ’50 del secolo scorso.

Permane comunque l’obbligo di comunicazione telematica all’INAIL degli infortuni che comportano assenze superiori ai 3 giorni e permane la relativa sanzione in caso di inadempimento.

Rimane invece in sospeso il previsto obbligo di comunicazione degli infortuni  che comportino assenze superiori ad 1 giorno fino ad implementazione del Sistema Informativo Nazione della Prevenzione.

Altre semplificazioni in merito alla denuncia degli infortuni avranno decorrezza a marzo 2016 e se ne darà notizia al momento della effettiva entrata in vigore.

Continua »
Home SICUREZZA SUL LAVORO News Normativa nazionale

MODIFICHE AL D. LGS 81/08 – CONTRATTI DI SOMMINISTRAZIONE: GLI ONERI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE A CARICO DEL SOMMINISTRATORE

L’abrogazione del comma 5 dell’art. 3 del D. Lgs 81/08 ha di fatto sollevato il datore di lavoro che utilizza  personale non assunto direttamente, ma dipendente dal somministratore (agenzia autorizzata), dagli obblighi di prevenzione e protezione per il personale operante in contratto di somministrazione.

Diviene pertanto interamente a carico dell’agenzia autorizzata, di cui il lavoratore è dipendente, e non più a carico dell’azienda utilizzatrice, l’attuazione di quanto previsto dal D. Lgs 81/08. Tra i principali obblighi, che sono trasferiti a carico dell’agenzia, si rammentano, a solo titolo di esempio, non esaustivo:

  • la valutazione dei rischi e la redazione del DVR;
  • l’informazione, la formazione e l’addestramento in funzione della mansione;
  • la sorveglianza sanitaria.
Continua »
Primo Soccorso Medicina del lavoro News Sicurezza sul lavoro Normativa nazionale Prevenzione incendi

INASPRITE LE SANZIONI PER INADEMPIENZE IN AMBITO FORMAZIONE E SORVEGLIANZA SANITARIA

Il D. Lgs 151/2015 ha modificato il D. Lgs 81/08 inasprendo le sanzioni per le seguenti violazioni:

  • mancato invio dei lavoratori a sorveglianza sanitaria entro le scadenze e mancata richiesta al medico competente di osservanza degli obblighi previsti a suo carico (rif. D. Lgs 81/08 art. 18 c.1, lett. g);
  • mancata invio a formazione o aggiornamento periodico dei lavoratori, dei preposti, dei dirigenti, degli addetti a prevenzione incendi, primo soccorso, gestione delle emergenze e del rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (rif. art. 37 c. 1, c. 7, c. 9).

 

Qualora la violazione sia riferita:

  • a più di 5 lavoratori gli importi sono raddoppiati
  • a più di 10 lavoratori gli importi sono triplicati

 

 

Continua »
Home SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza nei cantieri News Normativa nazionale

Sentenza di corte di cassazione ribadisce il compito di “alta vigilanza” del CSE e non di puntule vigilanza momento per momento

La sentenza della corte di cassazione n. 41820 del 19 ottobre 2015, ribadisce che il coordinatore in fase di esecuzione ha un compito di “alta vigilanza”, ossia di supervisione generale e non di vigilanza puntale, momento per momento, di ciò che accade in cantiere. Viene infatti giustamente sottolineato che la vigilanza puntuale è compito di altre figure operative attinenti le imprese esecutrici i lavori: datori di lavoro, dirigenti, preposti.

Il testo di tale importante sentenza è scaricabile alla pagina downolad.

Continua »
Home SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E CORSI AGENTI FISICI News Sicurezza sul lavoro Rumore Vibrazioni

Corso per imparare a misurare rumore e vibrazioni nei luoghi di lavoro a Roma il 10/11/2015

Il prossimo 10 novembre 2015 si terrà a Roma, presso la sede di Informa, in via dell’Acqua Traversa n. 187, un corso per acquisire le tecniche per la corretta esecuzione delle misure di rumore e vibrazioni finalizzate alla valutazione dei rischi specifici secondo le richieste del D. Lgs 81/08.

Il corso, pur analizzando le richieste normative e le norme tecniche di riferimento, avrà un taglio prettamente pratico. Sono previste misurazioni mediante fonometro e vibrometro durante l’uso di attrezzature di lavoro reali e l’elaborazione dei dati mediante software freeware.

La durata è di 8 ore. Il corso è valido come aggiornamento per RSPP/ASPP e coordinatori per la progettazione ed esecuzione (D. Lgs 81/08). Inoltre il corso rilascia crediti formativi CNI, CNPI e CNAPPC.

Docente: Ing. Andrea Guerra

Per maggiori dettagli e informazioni clicca qui.

Continua »
Home Primo Soccorso News Normativa nazionale Prevenzione incendi

Modiche al D. Lgs 81/08 – Datore di lavoro addetto a prevenzione incendi e primo soccorso

Il D. Lgs 14/09/2015 n .151 ha modificato l’art. 34 del D. Lgs 81/08.

Precedentemente il datore di lavoro, nel caso in cui l’azienda avesse avuto più di 5 addetti, non poteva svolgere il ruolo di addetto alla prevenzione incendi o di addetto al primo soccorso.  Con la modifica intervenuta il datore di lavoro di qualsiasi azienda, indipendentemente dal numero di addetti, può essere tra gli addetti alla prevenzione incedi e al primo soccorso, fatti salvi gli obblighi vigenti anche per lui di formazione e addestramento previsti.

Continua »
Home News Sicurezza sul lavoro Normativa nazionale Formazione

La mancata collaborazione con gli Organismi Paritetici in materia di formazione non è sanzionabile

Con nota del 08 giugno 2015 il Ministero del Lavoro ha chiarito che la formazione dei lavoratori, pur se avvenuta senza la prescritta collaborazione degli Organismi Paritetici, non è sanzionabile in quanto ciò non costituisce giustificazione per contestare l’inadeguatezza e l’insufficienza della formazione stessa, poiché riguardante aspetti meramente formali.

Lo scrivente, preso atto della nota, e condividendo in toto il punto di vista del Ministero del Lavoro, evidenzia che, in caso di mancanza di collaborazione può comunque, giustificatamente,

per altri motivi, essere contestata l’inadeguatezza della formazione, se rilevabile sostanzialmente in corso di accertamento da parte degli organi di vigilanza.

Per contro, l’aver ottemperato alla richiesta di collaborazione con gli Organismi Paritietici, dovrebbe assicurare la conformità della formazione in termini di adeguatezza e sufficienza, qualora gli stessi OOPP non abbiano mosso rilievi.

Il consiglio è pertanto di rispettare le richieste di legge e di continuare  a richiedere la collaborazione agli OOPP.

Per scaricare la nota del ministero vai alla pagina download.

Continua »
Home Medicina del lavoro News Normativa nazionale

Oltre 6000 cancellazione attuate dal registro nazionale dei medici competenti

Cancellazione attuate dal registro nazionale dei medici competenti per i medici che non hanno inviato attestazione di avvenuto aggiornamento professionale (crediti ECM previsti dall’art.38 comma 3 D. Lgs 81/08).

I datori di lavoro sono tenuti a verificare se il loro Medico Competente è nell’elenco.
L’elenco è consultabile al seguente indirizzo:
http://www.salute.gov.it/MediciCompetenti…/ricercaMedici.jsp

Continua »
Home SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E CORSI Sicurezza sul lavoro

Due sessioni di formazione e certificazione per diventare “Certified ISO 31000 Risk Management Professional”

Il corso consente ai partecipanti di diventare Certified ISO 31000 Risk Management Professional (Foundations Level). Il training e l’esame sono basati sullo standard ISO 31000 sul Risk Management disegnato per e utilizzabile da qualsiasi tipo di organizzazione di qualunque dimensione o settore.

Attraverso questo corso intensivo di 2 giornate, i partecipanti sviluppano le competenze sui fondamentali dello standard ISO 31000 sul Risk Management. Grazie ai contenuti oggetto del corso, gli esercizi pratici e le domande di prova che testano la progressiva comprensione, i partecipanti acquisiscono le conoscenze e le competenze richieste per superare il rigoroso esame di certificazione. I partecipanti diventano in questo modo familiari con il vocabolario, i principi, il framework e il processo di risk management così come proposti dallo standard ISO 31000.

Durante il corso sarà presentato lo standard ISO 31000:2009 “Risk Management Principles and Guidelines”, insieme alle ulteriori componenti rappresentate dalla ISO Guide 73:2009 e lo IEC/ISO 30010:2009 “Risk Assessment Techniques”.

Di seguito i dettagli delle sessioni previste:
Data di svolgimento: 18-19 giugno 2015 e 25-26 Novembre 2015 (2 giorni)
Luogo: Milano, Piazza Castello 26
Lingua: Italiano
Trainer:  Stefano Barlini, CT31000 (session, training materials, powerpoint and examination in Italian)
Costo: 2,000 € (+IVA) incluso esame e certificazione.

Sconto : 250 € per pagamenti completati prima del 18.05.2015.

Per ulteriori informazioni, brochure e per la registrazione:  clicca qui.

Contatti :Reach Crowe Horwath

  • tel.: +39 02 45391500
  • email: relazioniesterne@crowehorwath-as.it

Per chi si registra riportando il codice aallxg10b , che attesta la provenienza dal presente sito web – Studio Ing. Andrea Guerra – , è riconosciuto uno sconto del 10%.

Per ulteriori  informazioni sulla ISO 310000, recepita in Italia dall’UNI come norma UNI ISO 31000:2010, clicca qui.

Continua »
Home SICUREZZA SUL LAVORO Normativa tecnica AGENTI FISICI News Rumore

Pubblicata la norma UNI 11347:2015. Programmi aziendali di riduzione dell’esposizione a rumore nei luoghi di lavoro.

In vigore dal 12 febbraio  2015 la nuova norma UNI 11347:2015. Tale norma sostituisce il rapporto tecnico UNI/TR 11347:2010.

La nuova norma specifica come indicare gli interventi tecnici e organizzativi che vengono adottati dall’azienda per ridurre l’esposizione al rumore nei luoghi di lavoro nonché come identificare le aree di lavoro a maggior rischio al fine della loro delimitazione/segnalazione/restrizione all’accesso, così come richiesto dalla legislazione vigente, attraverso la redazione di un programma aziendale di riduzione dell’esposizione (PARE) al rumore.

Ricordiamo che il D.Lgs 81/08 richiede il miglioramento delle condizioni relative ad aspetti igienico sanitari e di sicurezza dei luoghi di lavoro, ed in particolare anche nel caso di esposizione a rumore qualora questa ecceda, come livello equivalente giornaliero (LEx,8h) o settimanale (LEx,w),  gli 85 dB(A).

 

Continua »
1 2 3 4